Lucio Schiavon - Venezia 1600 - Attila

35.00
Lucio Schiavon - Venezia 1600 - Attila

2021
Serigrafia a 3 colori stampata a mano
Carta colorata gr. 220
Dimensione cm. 70 x 50
Tratta dai poster realizzati da Lucio Schiavon per celebrare i 1600 anni di Venezia.
___

2021
3 colors hand made screenprint
Colored paper gr. 220
Size cm. 70x50
Based on the posters designed by Lucio Schiavon for the Celebrations of the 1600th anniversary of Venice

ATTILA
Come ogni altro creatore di imperi, fu visto come un invasore da chi subì le sue avanzate, e come un condottiero dalle sue genti; comunque la si guardi, però, l'epopea di Attila – l'Unno, il “Flagello di Dio” – è entrata a tal punto nel mito da trascendere la storia: la sua volontà di conquista e di annientamento fu smisurata a un punto tale – e qui la sua vicenda inizia a farsi leggenda – da non lasciare più ricrescere un solo filo d’erba al suo passaggio.
E se oggi la storiografia ufficiale tende a escludere che Venezia sia effettivamente nata a seguito del trasferimento in laguna da parte dei fuggiaschi dell'impero romano (l'avanzata Unna avvenne nel 452, ma Roma aveva già conosciuto l’onta della distruttiva conquista dei Visigoti di Alarico, mentre alle sue porte si appressavano i Vandali di Genserico), certamente i primi insediamenti sorti sulle isole a nord ne ricevettero un impulso. E si ammantarono per sempre della sua leggenda: come quella dell'esodo stesso, avvenuta a seguito di una visione da parte del vescovo di Altino, salito sulla torre più alta della città per ricevere un segno divino; oppure l'isola chiamata Monte dell'Oro, nel cui fango si sarebbe inabissato il carro degli Unni lanciatisi all'inseguimento dei fuggiaschi, pieno del prezioso metallo razziato dai barbari. O come, infine, il “Trono di Attila”, un grande seggio di marmo posto tra l’erba a Torcello, lasciato per la gioia di bimbi e visitatori dal re Unno in ritirata…